Un’esperienza da vivere

Masseria dei Monaci, alle porte di Otranto, è il luogo perfetto per assaporare la lentezza dell’incanto. La frenesia si trasforma in quiete e il tempo scorre seguendo il ritmo del bello e della felicità

Germana, la padrona di casa, ci accoglie con un sorriso contagioso. Lo intuiamo dai suoi occhi luminosi, dal momento che la mascherina, che ormai fa parte del nostro outfit quotidiano, cela proprio quell’elemento comunicativo capace di annullare le distanze e creare subito empatia. Ma il problema non sussiste perché dopo le presentazioni di rito si crea immediatamente una connessione che ci fa sentire parte del contesto. 

Una volta varcato l’ingresso di Masseria dei Monaci, i nostri sensi si muovono spinti da un’energia sconosciuta, ma non tardiamo a comprenderne la provenienza: di fronte a noi sua maestà il mare ondeggia in tutto il suo splendore. E sì, questa è l’unica masseria del sud Italia ad affacciarsi direttamente sul mare: uno spettacolo per gli occhi e per lo spirito che, in questa realtà di verde e silenzio, ritrovano la propria dimensione.

Per qualcuno il vero lusso è legato al possesso di oggetti ritenuti preziosi: un gioiello, una borsa griffata, un paio di scarpe costose. Ma per molti, per fortuna, l’asse si è spostato su beni immateriali, il che si traduce in un rinnovato senso della scala dei valori della vita. Ed ecco che prendono quota le emozioni, le sensazioni e le situazioni in grado di rendere possibile tutto ciò. Una premessa dovuta, questa, per introdurre il lettore in questo universo dai colori pastello, che sorge alle porte di Otranto, dove la vera ricchezza è rappresentata dal tempo da dedicare a se stessi, con l’affettuosa complicità di Germana Rosati e di suo marito, Andrea Schito, presenze discrete su cui contare per ogni richiesta, consiglio, informazione. Anche per scambiare due chiacchiere e conoscere  meglio storia e origini della struttura e di tutto ciò che ruota attorno ad essa.

14 camere, tutte vista mare, si affacciano su un patio comune, luminoso come sanno esserlo solo quegli spazi valorizzati dalla pietra leccese. 

Arredamento sobrio e accogliente, si sviluppano su due livelli, regalando agli ospiti la sensazione di trovarsi in un luogo familiare. Docce scavate nella roccia, piscine cromo terapiche, luce ovunque, camere e suite sono un inno alla sobrietà e all’intimità. Quello che rende unica Masseria dei Monaci è la cura del dettaglio: ogni angolo parla la lingua universale dell’ospitalità ma con accento salentino: una connotazione fortemente voluta dai padroni di casa che, per tutti i lavori di ristrutturazione straordinaria e per quelli di ordinaria amministrazione, hanno scelto esclusivamente aziende, prodotti e maestranze locali.

«Nel nostro piccolo – commenta Germana – abbiamo voluto fare qualcosa per il territorio, anche in termini di risorse umane. Tutto, qui, è radicato a questa terra spigolosa ma, al contempo, generosa. E lavorare con persone che condividono le stesse radici è qualcosa di straordinario».

A dirla tutta, lo straordinario, in questo luogo baciato dall’aurora che preannuncia la prima alba italiana, è ordinario. 

Dopo pochi minuti, tra un caffè, qualche foto, una passeggiata alla scoperta del parco che circonda la struttura, già mi sento a mio agio. E posso solo immaginare come ci si possa sentire dopo una settimana in questo luogo senza tempo.

Germana capta i miei pensieri (l’empatia è ormai conclamata) e racconta: «Pensa, ci sono ospiti che vengono ogni anno  nello stesso periodo e che, una volta qui, non ne vogliono sapere di fare gite, escursioni o altro. Il Salento lo hanno visitato in lungo e in largo, lo conoscono molto bene. Adesso vogliono solo viverlo interiormente, trattenendone tutte le energie che poi, una volta rientrati nella loro città, alimenteranno il motore della vita quotidiana».

Il lusso. Qui si traduce in esperienza, emozioni, sensazioni. La qualità del tempo da trascorre lontani da casa si arricchisce del valore effettivo del suo significato, creando una simbiosi perfetta tra natura, semplicità e luce. 

A domanda precisa (come definiresti questo posto?) segue risposta altrettanto precisa : «Masseria dei Monaci è la pace dei sensi – conclude Germana allargando le braccia quasi a voler contenere tutta la magnificenza che la circonda -.  Una volta qui, resetti tutto. Metti in pausa fatica, pensieri, preoccupazioni, stanchezza e riesci ad ascoltare te stesso, dando priorità al tuo spazio nell’universo. Piccolo o grande, non importa, ciò che conta è riuscire ad essere pienamente se stessi»

Salento Review – Anno IX – n. 1 pag. 74 – 76

Prenota ora il tuo soggiorno

www.masseriadeimonaci.com

info@masseriadeimonaci.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *